Seminari e incontri

Durante l’anno vengono organizzati seminari di approfondimento pratico e teorico, nel periodo estivo stages residenziali.

————————————————————————————-

Introduzione allo yoga e all’haṭha yoga degli asceti indiani

Venerdì 11 ottobre – ore 20,30

Ingresso libero per tutti i soci e i loro ospiti. 

“Come spiegano gli asceti indiani l’haṭha yoga e lo yoga? In questo incontro, dopo una introduzione all’ascetismo indiano e agli ordini tradizionali storicamente connessi alla pratica dello yoga e dell’haṭha yoga, risponderemo a questa domanda, sottolineando anche come gli asceti indiani approcciano la pratica degli asana. La realtà ascetica indiana, le varie pratiche fisiche e di austerità saranno descritte attraverso foto e video derivanti da vari fieldwork in India.

L’obiettivo dell’incontro è rimettere in discussione alcune conoscenze e pratiche per intavolare così un costruttivo dibattito sulle varie sfaccettature che la pratica di yoga ha assunto oggigiorno.”

Daniela Bevilacqua: Indianista, ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca a Roma e Parigi. Attualmente è uno dei membri del “Haṭha Yoga Project”, sovvenzionato dalla Comunità Europea e con sede presso SOAS, Università di Londra

———————————————————————————————————————————-

Non c’è yoga senza sāṃkhya

Sui rapporti tra ‘metodo’ e ‘modello’, tra azione e idea nell’India antica.

Ciclo di lezioni con il Prof. Federico Squarcini (Univ. Ca’ Foscari di Venezia)

Mentre la popolarità mediatica della parola yoga sale di anno in anno, straripando fuori da tutti i pori del World Wide Web, il silenzio circa la parola sākhya gli fa da assordante controcanto. Poco male, diranno i più, un problema in meno. Costoro, solitamente persuasi che la maggioranza vince, sono anche convinti che vi siano ragioni cogenti per l’eclatante assenza del sākhya dalla scena odierna, che dunque si spiega da sé.

Durante gli incontri di questo seminario verranno ripercorse le tappe salienti della relazione tra yoga e sākhya, partendo dalle più antiche testimonianze pervenuteci fino al ‘divorzio’ tardo-ottocentesco, tappa cruciale del processo di volgarizzazione dei saperi che ha portato all’epistemicidio contemporaneo.

Obiettivo del viatico storico qui presentato, tutt’altro che descrittivo, è quello di vagliare con attenzione le ragioni teoriche e pratiche di ciò che le antiche fonti in sanscrito presentano non solo come un rapporto simbiotico, ma come la condizione necessaria affinché si dia una pratica proficua sia di yoga sia di sākhya, i quali, se presi da soli, sono entrambi mezzi senza fini.

Venerdì 11 e 25 ottobre/ 15 e 22 novembre
Orari: 11,30 – 13,30 / 14,30 – 16,30

Primo incontro: C’è yoga senza sākhya? Ragioni pratiche del conoscere la storia delle parole.

Secondo incontro: Ciechi guidati da ciechi. Sulla contezza delle antiche fonti sanscrite circa la simbiosi fra sākhya e yoga, ossia sul perché abbiamo ancora bisogno di coniugare fine e mezzo, modello e metodo, progetto e opera, idea e azione.

Terzo incontro: Il cieco e lo zoppo. Argomenti dalle fonti sanscrite in favore dell’inseparabilità di sākhya e yoga

Quarto incontro: Zoppi guidati da ciechi. Sugli esiti biopolitici del ‘divorzio’ tra metodo e modello, foriero sia dell’idolatria dello yoga come mezzo sia della perdita di salienza del sākhya come fine.

———————————————————————————————————————————————–

SEMINARI INTERNAZIONALI DI YOGA
condotti da Patrick Tomatis

30 novembre – 1 dicembre 2019

1 – 2 febbraio 2020

“Elogio della perseveranza”
La nozione di “perseveranza” è intimamente legata ad altri concetti, come per esempio: la pazienza, l’intensità, la fiducia, la costanza, la volontà, la determinazione, la resistenza, la capacità di mantenere la rotta sviluppando al tempo stesso una attenzione all’adattabilità, il discernimento.
La qualità di “perseveranza” è essenziale per l’instaurarsi di una continuità nella pratica (nairantarya, YS 1-14)
Esploreremo i diversi legami che la nozione di “perseveranza” ci propone.

Pur avendo i due incontri un tema comune è possibile partecipare separatamente a uno dei due senza pregiudicare la comprensione e la pratica. L’argomento verrà sviluppato da punti di vista differenti nei due week-end.

Orari
sabato:     9.45 – 13.00           14.30 – 18.30
domenica:    9.30 – 13.00              14.30 –18.00

Modalità di iscrizione

Informazioni c/o
SHAKTI –CENTRO STUDI YOGA
02 83 61 042
info@shaktiyoga.net

Iscrizioni:
inviare richiesta via mail mail a:
CLAUDIO CONTE
claudioconte@fastwebnet.it

————————————————————————————————————————

Lo Yoga è l’abilità nelle azioni (Bhagavadgītā, II 50)

Seminario condotto da Claudio Conte

23 – 24 novembre 2019 – Firenze

Le ricerche recenti nelle scienze cognitive hanno ridisegnato completamente le relazioni tra percezione, cognizione e azione, superando totalmente i modelli computazionali e a “sandwich” della seconda metà del secolo scorso. Proveremo a riflettere sulla interconnessione stretta su questi tre elementi dei nostri processi psichici, e a comprendere quali sono le “abilità “ possibili per l’essere umano sul piano motorio e quali il loro riflessi sul piano cognitivo.

Claudio Conte – Insegna in Svizzera e a Milano, dove dirige il centro Shakti e la Scuola di Formazione all’Insegnamento dello Yoga (S.F.I.D.Y.). Tiene periodicamente seminari di formazione e approfondimento in altre città italiane ed europee. Ha seguito inoltre corsi di formazione in rieducazione posturale ispirati ai principi del metodo Mézières e in terapia
manuale secondo i principi dell’osteopatia. Dal 1982 segue e trasmette l’insegnamento di Nil Hahoutoff e Patrick Tomatis.
Socio Fondatore della YANI (Yoga – Associazione Nazionale Insegnanti).

Luogo: Foresteria Valdese – Via dei Serragli 49 – Firenze
Orari: 23 novembre dalle 15 alle 19 – 24 novembre dalle 9 alle 17.30 (pausa dalle 12.30 alle 14.00)
Quota partecipazione: 110 euro (necessaria iscrizione alla Ass.culturale Vivekadarshana)

Il seminario è riconosciuto come formazione continua dalla YANI

Organizzazione:
Associazione culturale Studio Yoga Vivekadarshana
Via Trento, 74 – 58100 Grosseto
mail: info@vivekadarshana.it
Anna Losi, 339-7794172 – Renzo Papini, 349-5230862
www.studioyogagrosseto.it, facebook: StudioYogaGrosseto

Iscrizioni: entro il 30 settembre, con versamento del 50% della quota
per bonifico bancario: STUDIO YOGA VIVEKADARSHANA
IBAN: IT 54 Z 07601 14300 001030726374.

Possibilità di alloggi presso la foresteria, con prenotazione e pagamento a parte.